C

Cucina di ottobre

Ad ottobre la temperatura si abbassa, si passa ai capi più pesanti, compaiono la copertina sul divano e gli stivali da pioggia che calpestano le foglie cadute e colorano i viali. L’atmosfera fa venire voglia di piatti fumanti: nuove ricette, esperimenti e piatti della tradizione.

Sono arrivati i primi giorni freddi, i colori della natura iniziano a cambiare e la voglia di cibi caldi e sostanziosi è sicuramente maggiore. Durante la spesa al mercato, possiamo notare come la frutta e verdura di ottobre prendano il posto delle pesche e dei meloni. Comprare la verdura di stagione, oltre a farvi risparmiare economicamente, comporta anche l’apporto di una maggiore quantità di valori nutrizionali per il corpo.

Inoltre, durante questo periodo è splendido camminare per i boschi, sentirsi circondati da odori e colori che trasformano le giornate in momenti unici; paesaggi ornati da castagneti enormi, abitati da funghi di ogni colore e genere. E la voglia di cucinare ed abbinare gusti diversi è inevitabile!

Per il suo sapore delicatamente dolce, la zucca può essere l’ingrediente principale per un intero menu. Si può iniziare da ricette semplici come i medaglioni di zucca e ricotta al forno, in cui l’unica difficoltà è quella di cuocere a lungo la zucca in forno per renderla morbida, fino ad arrivare ad un dolce come la torta rustica dolce di zucca, ricotta e amaretti, con un livello di difficoltà leggermente più alto ma che vi lascerà sorpresi per la sua bontà.
Durante le sere d’autunno poi, una coccola può essere sicuramente un piatto caldo di zuppa di farro, zucca e funghi secchi, una ricetta povera ma ricca di sapori e gusto, che piace ai grandi e ai bambini. Altra ricetta della tradizione è la pasta e fagioli con la zucca, da divorare senza sensi di colpa e da servire anche in una cena tra amici. Un secondo vegetariano, che può essere anche un piatto unico, è il tortino di patate e zucca con la feta, da lasciare dorare per mezz’ora in forno e servire sia caldo che freddo.

Durante la stagione autunnale, il radicchio perde un po’ il lato amaro e diventa una verdura ideale per primi e secondi piatti, sia tradizionali che innovativi. Il classico risotto al radicchio e speck è una di quelle preparazioni che non stancano mai, difatti può essere servito sia per un menu d’occasione che per il pranzo di tutti i giorni. La domenica, quando si ha più tempo da dedicare alla famiglia e alla cucina, vi suggeriamo dei conchiglioni ripieni di radicchio e salsiccia, belli da vedere e gustosi da mangiare.

Per quanto riguarda i secondi, quelli invitanti dell’inverno e pieni di materie prime saporite, sono gli involtini con radicchio e pancetta, veloci da preparare ma con un risultato impeccabile. Inoltre, se non volete utilizzare carne di maiale, potete anche sostituirla con la vitella, più delicata al palato. Una preparazione che sprigiona autunno da ogni parte è il radicchio di Treviso in salsa rosa, preparato con l’utilizzo di noci e melagrana. Oltre a far bene alla salute è anche splendido da vedere, per non annoiarsi mai.

In ultimo, non possiamo non parlare dei funghi, protagonisti della tavola invernale. Iniziamo subito con una bruschetta con funghi porcini e provola affumicata, veloce e semplice da preparare, anche per chi non si sente a suo agio dietro ai fornelli.
Quando avete dei funghi e non sapete quale preparazione fare, con un risotto ai funghi e salsiccia andrete sul sicuro: fate tostare bene il riso e poi aggiungete i funghi che avrete fatto saltare in padella con olio e aglio. I funghi si abbinano perfettamente sia ai secondi piatti di pesce che a quelli di carne, come il coniglio ai funghi: una ricetta molto profumata. Difatti la carne bianca del coniglio si sposa alla perfezione con il sapore terroso dei porcini e viene esaltata ancora di più dalla salvia e il rosmarino.

Prepara i tuoi manicaretti in una Cucina Chateau d’Ax.

Grazie alle numerose proposte da scoprire una dopo l’altra!

CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *